Il tè e la salute

Credenze tradizionali

Si ritiene che il consumo del tè:

  1. Favorisca la circolazione sanguigna del corpo.
  2. Stimoli la lucidità e la prontezza mentale.
  3. Faciliti l’eliminazione dell’alcol e di altre sostanze nocive (ad esempio i grassi e la nicotina).
  4. Aumenti la capacità di resistenza del fisico a numerose malattie.
  5. Acceleri il metabolismo e l’utilizzazione dell’ossigeno nei vari organi.
  6. Sia in grado di prevenire la caduta dei denti.
  7. Abbia un effetto disintossicante e rinvigorente della pelle, contribuendo a mantenere un aspetto giovanile.
  8. Riesca a prevenire ed a contenere il progredire dell’anemia.
  9. Purifichi le urine e ne faciliti il deflusso.
  10. Giovi agli occhi e li renda brillanti.
  11. Combatta gli effetti della calura estiva.
  12. Aiuti la digestione.
  13. Attenui i disturbi agli arti e alle articolazioni.
  14. Riduca l’eccessiva secrezione di muco.
  15. Calmi la sete.
  16. Cancelli la fatica e la depressione sollevando lo spirito e dando una generale sensazione di benessere .
  17. Prolunghi la vita.

Questo elenco può destare impressione, tuttavia, le moderne ricerche mediche effettuate in Giappone e nel resto del mondo hanno confermato la validità di gran parte di quelle convinzioni. Bisogna sottolineare, tuttavia, che tranne alcune eccezioni, le proprietà fin qui illustrate appartengono specialmente ai tè verdi ed a quelli parzialmente fermentati; i tè neri, infatti, con la maggior fermentazione, vengono sottoposti ad un trattamento che riduce l’efficacia di alcune proprietà medicinali della pianta (si perde gran parte dei polifenoli). Comunque la moderna ricerca scientifica ha scoperto che le foglie del tè contengono oltre 300 componenti chimici, dei quali i “polifenoli” sono i più importanti. Alcuni di questi, ad esempio le catechine, hanno un’ azione benefica e calmante sullo stomaco e sull’intestino, oltre ad avere un potente effetto germicida sui bacilli del colon e sugli stafilococchi e di aumentare l’elasticità del muscolo cardiaco e della cavità arteriosa. Inoltre, sempre grazie alle catechine, si è riscontrato che diminuiscono lo zucchero nel sangue e frenano l’aumento eccessivo del colesterolo cattivo (LDL). Un altro polifenolo, l’acido lattico, combatte le intossicazioni da alcaloidi ed è un antidoto contro gli effetti nocivi di un’alimentazione ricca di grassi o di condimenti, inoltre, stimola enormemente la digestione. È presente anche la caffeina (TEINA), che a differenza di di quella del caffè, ha un effetto più lento e prolungante e non interessa il cuore; quindi stimola le facoltà mentali ma non eccita. Inoltre è un coadiuvante nell’eliminazione delle sostanze tossiche dal fegato. Il tè contiene molti minerali come il fluoro, che contrasta l’azione della carie dentaria, lo zinco, integratore nel periodo della gravidanza, il potassio, il rame, il ferro ed il manganese (non presente nel tè nero), tutti preziosi per il nostro organismo. Le vitamine presenti sono quelle del gruppo B (1 e 2) dette vitamine della crescita, la vitamina C (antiascorbica), la vitamina E (mantiene elastica l’epidermide), la vitamina P ed altre ancora. Molti medici, soprattutto giapponesi, stanno studiando i benefici effetti del tè verde. Questi sono alcuni dei risultati ottenuti da tali osservazioni:

  1. Il tè non fermentato è un ottimo integratore della dieta dei convalescenti.
  2. Aiuta gli equipaggi degli aerei a mantenere i riflessi pronti durante lunghi voli.
  3. Possiede proprietà dimagranti: vi sono persone che hanno perso svariati chili in sei mesi, senza modificare la loro dieta normale ma aggiungendovi soltanto molto tè.
  4. Il suo contenuto relativamente alto di vitamina P lo rende indicato nei casi di pressione alta e di disturbi di cuore.
  5. Secondo i resoconti di cronaca, sembrerebbe che i consumatori abituali di tè verde e oolong restano raramente vittime del cancro.
0

Your Cart